Dimopiten Teone rap

Schermata 2019-10-29 alle 21.31.46

Nota introduttiva da parte dell’autore: un paese vero, della gente vera in uno squallido sodalizio senza fine.

Esci di qui, entra di là, batti i piedi a quaraqquaqquà. 

Piega di sotto, inclina di sopra le magagn si vuol che si scopra.

Fuma a destra e fuma a sinistra gira la telecamera sulla finestra.

Un passo di qui e uno di la e poi come niente ti trovi nel bar sbadatamente.

Sigaretta davanti e poi di fronte attenti alla madama nera come camaleonte.

Un minuto di qui un’altro di la è tutto quanto un gioco, ne hai sparate di balle pressapoco.

Dai che tra poco è mattino timbrami un po il mio cartellino che tra mezz’ora mentre cazzeggio,  mi giro i pollici e me ne vado a passeggio.

E mentre penso a come ti ho fottuto, un indice medio e ti saluto.

Testo: Claudio Carnevali

Foto: Google

 

 

Pettoris

Schermata 2019-10-09 alle 14.40.55

Nota da parte dell’autore: se ce qualcosa che può allineare i nostri pensieri e le nostre idee è proprio il rispetto. Che si dovrebbe alle persone vere e leali e che invece viene fatto scempio dagli incapaci e incompetenti. Questo è un mio ritratto, ognuno si disegni il proprio.

Ho rispetto per i migranti e i morti in mare, ma ho un po più rispetto anche di chi (clochard) dorme sotto un ponte e muore di freddo, di un terremotato che non ha più una casa stabile da anni, delle persone anziane che rovistano dentro un cassonetto per cercare qualcosa da mangiare, di chi (italiano) non ha un lavoro e deve mantenere una famiglia di quattro persone, dei pensionati a 200 euro al mese. Ma anche dei migranti regolari che lavorano e pagano le tasse.

Ho rispetto per le persone omosessuali, ma anche e sopratutto degli etero, della mamma e del papà con bambini in una famiglia così composta, dei genitori a cui ingiustamente vengono tolti i loro figli e affidati freddamente altrove.

Ho rispetto per chi è in carcere ma ho ancor più rispetto per chi indossa una divisa e fa il suo lavoro, chi rispetta le regole, la propria identità, chi difende il pensiero altrui anche se non lo condivide.

Tutto il resto non lo rispetto. Chi si reputa tuo amico e oltre non conoscere il significato della parola ti tradisce e ti pugnala alle spalle, chi ti infama facendolo più volte, chi non comprende e neanche ha le palle per chiedere:”Mi spieghi cosa hai detto?”. Chi pensa di aver subito un torto da me e neanche chiede spiegazioni.

E non rispetto e non rispetterò chi da quel che qui ho scritto ha capito che ho voluto strumentalizzare qualcosa. Il tempo non può rimanere sempre lo stesso. Fieri di esserci tutti ma anche no.

Testo: Claudio Carnevali

Foto: Google

Le perfidie del Belvedere

Schermata 2019-10-02 alle 17.36.52

Nota introduttiva da parte dell’autore: 

Prosegue la saga del paese virtuale medioevale Bordello Belvedere, tra lotte, inganni, perfidie, pergamene minatorie. Tutto si sussegue in un vortice di inutilità. La gente ormai ridotta a macchietta tra il potere dei vassalli e vassalli minori diventano irriverentemente servi della gleba. Tutti proni al sovrano fino al prossimo esternar di cantastorie.

********************

Orsù popolo di Bordello Belvedere venite a me,
vi narrerò di orchi, saltimbanchi, di pseudo dottori,
di maitresse mancate, di scribacchini anonimi,
di giostrai nullafacenti, di cortigiane compiacenti.
Manifestatevi gente e leggete.


Del movimento ardente e della testa pensante
ce chi crede al lato opposto del suo cranio
duro comprendonio come pietra vuota,
solerti a criticar chi di criticar suole in verità,
a scriver letter affastellate e grigie.
Del palazzo ducale fiero e inumidito dal leccar evidente,
si ride, si gioca a ber e far schiamazzi, le pance piene e
l’ego soddisfatto.


Un Re si aggira aizzando cani feroci che plaudono col dolce sguardo ammaliator una nebulosa corte di maghi a protezione si erge a difesa della cloaca silente, maghi senza testa pensator di manoscritti vè miei cari la spazzatur olezzosa si avverte persin nella magistera Katane.
Delle donne belle e pettinate ferme e turgide come el cemento armato, stucchevoli si sente il gracidar grottesco.


O si voi cari che ancora vi salvate da questo posto bello come lo sole ma inglorioso come il popolin accomodante, ascoltate questo povero cantastorie senza arte ne parte.


Or si intravedono strane figure che svolazzano scimmiottando, ragliando, clowneggiando incerto passo intorno a palazzo ducale e dintorni, facendo malefatte il ridere seppellirà un prossimo poema a venire. Ai posteri l’ardua sentenza.

 

Firmato il cantastorie di Bordello Belvedere
detto anche il giullare, il lombrico e cane idrofobo.

 

Testo: Claudio Carnevali

Foto: Google immagini

Bordello Belvedere

Nota introduttiva dell’autore:

Poesia dedicata a un luogo vero popolato da persone finte.

 

Bordello Belvedere,

in vendita arroganza e ipocrisia,

il popolino che se ne frega,

denigratori amanti del proprio io.

Immorali praticoni del nulla,

dove cortigiane di gomma attendono regali nelle loro locande.

 

Bordello Belvedere,

dove la menzogna impera e il cinismo dilaga.

Perfidi plebei che innescano il deserto serale.

Il Re rinchiuso nelle segrete stanze urla sua onerosa incompetenza,

e suoi sudditi servili superbi alitano fetide arie turbinose di

generosa riconoscenza.

 

Bordello Belvedere,

borgo di bellezza paesaggistica immensa,

si insinuano corrotti ciarlatani,

in balia del tempo ondeggiante,

noiosi e pedanti,

abbondano del sorriso

nel sussultar parlar di spalle.

 

Spilorci con la pancia piena,

coscienza pari a zero.

Oh, io che vivo nel Bordello Belvedere 

mi sento offeso nel mio piccolo sapere

della tenace e forte onestà.

 

Testo e foto: Claudio Carnevali

Orizzonti verticali

Il vento piega e soffia,

il tempo scorre

e tu non cambi mai.

Lo sguardo, l’intensità della luce,

il sorriso, gli abbracci e le carezze, i baci

tutto ha un senso, uno slittamento.

 

Una pellicola che prova a fermarsi

ma inesorabilmente va avanti,

le lancette di un vecchio orologio

che rallentano ma vanno avanti,

le emozioni che ti ho regalato sono

davanti al sole che è già tramontato.

 

Le parole non hanno più un senso

e il cercarti diventa irreale.

Rimane solo l’ombra che si materializza dietro

le tue spalle mentre ti stringo forte.

 

 

Claudio Carnevali 26.12.2017-14.11

Solstizio di inverno.

Tu come sole fermo

non saresti mai andata via,

invece striature dimensionali

allungano l’ombra delineando tristezza.

In un’altro abbraccio trovo rifugio

ma niente può sostituirti.

 

Ne bellezza, ne dolcezza, ne ragionevolezza,

e sarei potuto da schiavo essere tua emozione feudale.

Al punto più meridionale dell’orizzonte est

mi dissolvo, in quella delineatura

potevi assurgere a simbolo di rinascita,

in perturbabili allineamenti verticali

tramonto insieme a te ricordando un vago bacio.

 

Testo: Claudio Carnevali-21.12.2017-20.38

Foto:Google/Istagram con modifica grafica di Claudio Carnevali

Sei ancora qui

Mi parlavi di ali ferite sempre con un sorriso

e di piccoli angeli da accarezzare,

mi sentivo fortemente legato a te, un emozione molto speciale.

 

Sentore di estrema dolcezza

tu che riempivi le caselle ordinarie della mia vita

le pagine mai scritte del futuro

il sentimento di un’amicizia forte come il destino.

Lo stesso che un giorno ti ha portato via da qui.

 

Mentre vedevo allontanarsi la tua ombra,

da questa prospettiva del tempo,

io ti sto ancora piangendo.

 

Claudio Carnevali-20.12.2017.-12.48

In memoria dell’amico Giorgio Ponzio (1968-2012)

Disegno a mano libera: Claudio Carnevali

La forza dell’istinto (schegge poetiche)

 

Sai giocare estremamente fatale, con la lingua circumnavigare.

Mi ossessiona la tua presenza. Da quella alcova sono schiavo.

 

Claudio Carnevali-19.12.2017-17.08

 

Video postato su canale personale YouTube: 

Scena tratta dal film “Così fan tutte” di Tinto Brass

 

Stessa dimensione

Niente potrà essere come casa tua,

nessuno spazio potrà eguagliare

il tuo modo di essere, di percorrere sogni.

Mai e poi mai altre strade possono cambiare quella maestra,

nessun silenzio in un’altro  attimo è quello migliore.

Nelle frontali navigazioni

pochi cambiamenti ma devi essere il tuo modo di essere,

provarci è un bene.

Un giorno potrai dire che niente

è stato gettato al vento.

Claudio Carnevali-17.12.2017-12.07

Note:

Questo blog ha oltre 350 opere (non tutte mie), oltre 7 anni di vita passati a pubblicare idee, sogni, intuizioni. In alcuni momenti passati anche un totale di 1000 visite mensili, non possono essere gettati al vento.

Rappresentano il proprio vissuto, il proprio storico. Ho provato a cambiare spazi ma la casa madre rimane tale. E’ quell’imprinting che la gente conosce. Si può rimanere fermi ma sempre vivi. Questo spero…e la via continua…

 

Suite dei momenti

Ricordo di bocche violate, condivise.
Di corpi consumati, lesi e mai curati dalle ferite.
Il giorno che si allungava alla notte,
e lei che si univa all’aria.

Noi che siamo diventati suoni, pioggia e vento,
origami di ombre frementi delle stelle.
Tu che diventi primavera intatta,
mi adagio nel solstizio del tuo cuore, mistero dolce di pane.

Testo: Claudio Carnevali