Orizzonti verticali

Il vento piega e soffia,

il tempo scorre

e tu non cambi mai.

Lo sguardo, l’intensità della luce,

il sorriso, gli abbracci e le carezze, i baci

tutto ha un senso, uno slittamento.

 

Una pellicola che prova a fermarsi

ma inesorabilmente va avanti,

le lancette di un vecchio orologio

che rallentano ma vanno avanti,

le emozioni che ti ho regalato sono

davanti al sole che è già tramontato.

 

Le parole non hanno più un senso

e il cercarti diventa irreale.

Rimane solo l’ombra che si materializza dietro

le tue spalle mentre ti stringo forte.

 

 

Claudio Carnevali 26.12.2017-14.11

Solstizio di inverno.

Tu come sole fermo

non saresti mai andata via,

invece striature dimensionali

allungano l’ombra delineando tristezza.

In un’altro abbraccio trovo rifugio

ma niente può sostituirti.

 

Ne bellezza, ne dolcezza, ne ragionevolezza,

e sarei potuto da schiavo essere tua emozione feudale.

Al punto più meridionale dell’orizzonte est

mi dissolvo, in quella delineatura

potevi assurgere a simbolo di rinascita,

in perturbabili allineamenti verticali

tramonto insieme a te ricordando un vago bacio.

 

Testo: Claudio Carnevali-21.12.2017-20.38

Foto:Google/Istagram con modifica grafica di Claudio Carnevali